Il pudore dello scrittore

 

Mi chiedo spesso che ruolo abbia il pudore nella vita di uno scrittore, perché le parole mi rimangono fra le dita quando devo scrivere qualcosa di vero, di sentito, che mi ha reso vulnerabile il cuore. 

Forse solo per questo invento storie di altri, per coprire ciò che io sento e attribuirlo a loro. Forse è folle cercare di essere veri indossando maschere.

Annunci

16 Comments

    1. Stamattina ho tre o quattro io che discutono. Ma ciò che avrei voluto scrivere riguarda alcune impressioni avute ieri dal pomeriggio trascorso con alcuni miei alunni. Ma poi, mi sono frenata. Buona giornata.

  1. Non è mai facile parlare di se stessi, dipende tutto dal carattere penso, che poi si sia scrittori o meno non credo sia influente. Buona giornata 🙂

  2. “Ci sono nella memoria di un essere umano cose che egli non rivela a tutti, ma solo agli amici. Ci sono cose che egli non rivela neanche agli amici, ma solo a sé stesso, e in gran segreto. E infine ci sono cose che teme di rivelare perfino a sé stesso e sono cose che ogni uomo per bene affastella in discreta quantità” (Fëdor Michajlovič Dostoevskij)
    P.s.: per il resto, ci sono i blog e i social networks 😀

  3. Mi tocca sottoscriverti anche questa stasera. Ma giuro, non è perché voglio un caffè pagato! 🙂 È la sfida più difficile per chi vuol scrivere di verità e di anime. Eludere, abbattere la soglia del pudore. Anch’io ci provo, è una gran fatica…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...