Chi ha paura di Carlo Emilio Gadda?

“Era il male oscuro di cui le storie e le leggi e le universe discipline delle gran cattedre persistono a dover ignorare la causa, i modi: e lo si porta dentro di sé per tutto il folgorato scoscendere d’una vita, più greve ogni giorno, immediato”.

Carlo Emilio Gadda, La cognizione del dolore

Quando leggo espressioni quali “il folgorato scoscendere”, dico : “è Gadda!”. Disorganico, frammentario, con un linguaggio che crea straniamento, per la sua artificialità. Gadda è un autore che poco s fa a scuola, perché è un autore difficile ; è impossibile racchiudere in una sinossi da bignami la fabula dei suoi romanzi, il suo espressionismo può risultare talora urticante e, di certo, l’attraversamento di una sua opera è un ‘esperienza che non si dimentica.
Io lo amo, come amo tutti coloro che hanno forzato a dismisura la lingua. “Conoscere è inserire alcunché nel reale , è, quindi, deformare il reale” scrive in Meditazione milanese.
Gadda crede nel realismo, ma non nell’oggettivismo, quindi non crede nella resa naturalistica dei fatti; la sua voce narrante è incombente: risentita, sarcastica.
La sua voce è un miscuglio di voci : registri che si sovrappongono: dialetti e linguaggio letterario, gergo della piccola borghesia e lessico specialistico. Gadda è caos, frantumazione linguistica, le sue opere – scrive Luperini – sembrano tutte parti di un tutto che manca.

Annunci

6 Comments

  1. Interessantissimo e estremamente affascinante.
    Da attraversare e approfondire. (Assolutamente, per un ignorante come il sottoscritto)
    Grazie dello focus e dello spunto.
    Paolo

    1. Grazie Giuseppe. Si, Gadda credo che o si faccia poco perché può apparire poco “gestibile” e di certo di non facile lettura. Ma in effetti, se non abitua la scuola a leggere testi complessi, chi lo deve fare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...