Luther Pistols

Quando avevo nove anni, i miei mi portarono a Londra. Mi avevano regalato per la promozione una macchina fotografica e io ero solerte, come sempre, a portare avanti il compito. Ma non fotografai il Big Ben, Buckingham Palace o la torre di Westmister. Fotografavo solo ed esclusivamente i punk. Era la prima volta che vedevo una cosa del genere. Come facevano quelle creste fucsia a stare in aria? Pensavo che nella mia città se qualcuno fosse uscito a quel modo, lo avrebbero arrestato. Loro, invece, non li guardava nessuno tranne me che li fotografavo. Bevevano birra, parlavano e non capivo cos’altro facevano. Mia madre mi diceva di fotografare il cambio della guardia, ma io fotografavo kilt e spille da balia. Era un comportamento inspiegabile il mio, bambina noiosissima e pedante, quieta come la prima della classe e presuntuosa come chi aveva già realizzato di essere più intelligente di tutti i suoi coetanei. Figlia unica di una madre più che apprensiva, che mi rimproverava se tornavo a casa con 7. Di quella stranezza londinese non rimase traccia e a settembre dimenticai orecchini e calze bucate, sistemando le foto nell’album con Sarah Key.
Quel seme credo che germogliò agli esami di quinta elementare, quando il presidente esterno della commissione, che era un prete, mi chiese: “allora Deborah, so che sei un’appassionata di storia. Dimmi: chi è il tuo personaggio preferito?”.
Ed io: “Martin Lutero”.
La maestra mi corresse: “Ma come? Non era Napoleone?”
Infatti, ho sempre odiato Lutero, ma guardando la faccia del prete tornai a dire: ” no, il mio preferito in assoluto è Martin Lutero”.

Mia madre, che assisteva da fuori la porta, si ricordò del viaggio a Parigi, della tomba di Napoleone, dove avevo declamato le sue gesta. Mi chiese perché avessi detto quella bugia.
Alzai le spalle: avevo sperimentato per la prima volta la gioia dell’essere senza perché .

2015/06/img_9875.jpg

Annunci

5 Comments

      1. Cesare Pavese diceva che la personalità di una persona dipende da ua ragazzo n pomeriggio estivo trascorso d in maniera apparentemente poco significante … Forse hai trovato il tuo pomeriggio 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...