La mia mano

Ricordo le lezioni del prof. Frongia sulle Ricerche Filosofiche di Wittgenstein. Impiegò molto tempo sugli aggettivi possessivi, legati alle parti del nostro corpo. Ha senso la frase: ho dolore ai miei denti? Prendo un libro con la mia mano?
Lui era molto wittgensteiniano nello stile e si infervorava su certe questioni. A me, ancora non addentrata nelle perversioni della filosofia analitica, quell’interrogarci su questi punti mi appariva davvero strampalato.

Ora penso che quando si scrive, bisognerebbe avere Wittgenstein accanto, quando dava bacchettate ai suoi alunni. In molti scrivono: gli diedi la mia mano, sento una fitta al mio cuore.

Esprimo il mio pensiero.

Annunci

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...