Wintersonne

Eh sì, in effetti, la mia infanzia era stata segnata dai paradossi di Lewos Carroll e dall’impavida mascolinità fu Jo March, ma tutto poteva ancora riprendersi, tornare nel mucchio. C’erano stati i morti di Poirot e Miss Marple, è vero, d’estate nel balcone di nonna. Seduta sulla sdraio, con il bicchiere di menta in mano. Però era un divertimento, cos’altro?
Ma quell’anno – ne avevo tredici – incontrai due tizi che mi portarono per sempre via. Si chiamavano Tonio e Gregor, non erano affatto divertenti. Il primo c’aveva problemi grandi, il secondo neanche a parlarne.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...